avatar
casalinghitudine

La verità, vi prego, sui cibi congelati: 5 miti da sfatare

FrozenFood_xl

Buco nero inutile, da disprezzare senza mezzi termini per i severi gastropedanti; oggetto di mera sopravvivenza per le persone normali; contenitore di piaceri immediati e peccaminosi per gli altri. Parliamo del congelatore.

La sua funzione pratica è però indiscutibile. Se state seguendo i buoni consigli su come vivere al meglio la cucina volete per forza bene al vostro freezer.

Soprattutto lo considerate un amico solidale quando vi ritrovate a pensare “e-ora-che-arrivano-in dieci-cosa-cucino?”.

Ha però un grande problema: è circondato da miti sulla surgelazione dei cibi e sulla loro conservazione.

Verifichiamo insieme quali sono veri o falsi, se ne conoscete altri, prego, accomodatevi.

1. I prodotti surgelati e i prodotti congelati sono la stessa cosa.
FALSO. I surgelati vengono portati a temperature inferiori ai  -80°C, sono i prodotti industriali che troviamo nei banchi frigo dei supermercati. La surgelazione insomma è una lavorazione industriale regolata da tanto di Decreto Legislativo.

La congelazione invece è il processo casalingo di impacchettare il cibo o chiuderlo in appositi contenitori per conservarlo in freezer.

horror freezer

2. Gli alimenti congelati in casa non scadono mai.
FALSO. La durata dei cibi congelati a casa dipende in primo luogo dal tipo di freezer che possediamo. Esistono freezer combinati al frigorifero oppure singoli a pozzetto, ognuno dotato di un numero di stelle variabile da 1 a 4, che indicano la temperatura e il periodo di conservazione garantito.

-*- la temperatura garantita è di -6°C, i cibi possono essere conservati per 1 settimana.
-**- la temperatura garantita è di -12°, i cibi possono essere conservati per due settimane.
-***- la temperatura garantita è di -20°, i cibi possono essere conservati per qualche mese
-****- la temperatura garantita è di -30°, i cibi possono essere conservati per lungo tempo

La scadenza dipende anche da cosa stiamo congelando: in genere i piatti pronti hanno un periodo di conservazione breve (1-3 mesi), la carne passa da 8 a 12 mesi a seconda del taglio, il pesce 6-8 mesi, la frutta, se congelata con zucchero o sciroppo, anche 12 mesi.

3. Congelando i cibi si uccidono i batteri.
FALSO. Durante il congelamento la vita degli alimenti continua. Certo, è rallentata dal freddo, ma se contenevano batteri quando li avete messi nel freezer, questi non muoiono. Vanno piuttosto “in letargo” per risvegliarsi a scongelamento avvenuto. Detto in modo più scientifico: “i batteri non si dividono ma restano capaci di farlo una volta tornati a temperatura ottimale”.

La cottura è l’unico modo per uccidere i batteri eventualmente presenti nei cibi. L’anisakis, il temibile parassita intestinale che si può trovare in alcuni tipi di pesce crudo, muore se questi restano in freezer per almeno 24 ore a una temperatura di -20°C.

4. Se scongelo il cibo non lo posso più ricongelare.
VERO E FALSO. Una volta scongelato, il cibo può essere cotto e ricongelato successivamente. Per dire: compro del pesce, lo pulisco e lo congelo. Dopo qualche tempo posso scongelarlo, cucinarlo e congelarne di nuovo la quantità che mi serve. Questo perché cucinandolo, ho ucciso i batteri.

Se invece tolgo il pesce dal frigo, lo faccio scongelare, quindi lo rimetto nel freezer perché ho cambiato idea sulla cena, oltre a risvegliare i batteri li ho fatti moltiplicare a temperatura ambiente.

FrozenVegetables

5. Il cibo congelato/surgelato ha meno nutrienti del cibo fresco.
FALSO. Vi osservo: mentre scuotete la testa pensate a Benedetta Parodi che usa i fagiolini surgelati “perché si fa prima e non mi piace pulirli“. Eppure.

I cibi surgelati o quelli congelati in casa, parlo di  frutta e verdura, se conservati correttamente e non lasciati in freezer per decenni mantengono vitamine e proprietà nutritive pari all’alimento fresco.Può capitare che siano anche meglio, se pensiamo che a 24 ore dalla raccolta le proprietà di alcuni nutrienti iniziano a perdersi.

[Crediti | Link: Alice. Immagini: Life Style, Fine cooking]

9 commenti a La verità, vi prego, sui cibi congelati: 5 miti da sfatare

  1. Sui fagiolini surgelati, avendoli provati per la prima volta per caso proprio questa
    settimana, l’unica cosa che mi viene da dire è che sono meno buoni di quelli freschi….

    Di cibi pronti ne compro veramente pochi (i bastoncini di pesce, sono terribili ma per riportare all’infanzia sono decisamente meglio delle madeleine), in compenso mi capita spesso di congelare quello che preparo (anche il brodo) e la carne e di solito la resa mi sembra buona.

    • uuuhhhh che bello, ho trovato un altro sostenitore del brodo congelato! Io proprio pochi giorni fa ho fatto il bollito di biancostato, e ne ho fatto un bel po’, un pentolone… una parte ovviamente l’ho mangiata all’istante e l’altra subito – dopo averla fatta raffreddare – in freezer!

      • Se con la stagione che avanza non usi il congelatore per il brodo, allora che lo tieni a fare? gh! :)
        Idem per il biancostato e la gallina necessari: la volta che trovi al mercato della terra una gallina da cortile, cosa dici? “no, mi dia solo il quarto posteriore, che devo fare UN brodo”? Naaaaaa… te la accatti tutta, la fai in parti, e la congeli insieme al biancostato di romagnola o di chianina che hai lestamente sottratto alla casalinga che voleva superarti nella coda…
        Segue la canonica procedura di consumo del brodo:
        - una cena di tortellini
        - una cena di risotto
        - una cena di passatelli
        Settimana dopo si prende dal freezer la porzione di gallina e biancostato, per ricominciare la procedura. Se diventasse noiosa, si puo’ intercalare con cappelletti, o con onesti capelli d’angelo tirati a mano…

  2. I fagiolini surgelati fanno schifo per motivi di diversa consistenza dal fresco, non certo per sapore, infatti la verdura in foglia surgelata (cicoria, in particolare) per me non ha nulla da invidiare al fresco di pari qualità

  3. 1) Non è completamente esatto: la surgelazione può avvenire solo per alimenti di piccole dimensioni. I filetti di nasello si possono surgelare, un tonno intero, no, si può solo congelare.

  4. quasi completamente d’accordo.
    la questione è complessa e andrebbe vista cibo per cibo, frigo per frigo, ecc.
    è tutto relativo.
    così sui tempi di conservazione, nn è vero che vitamine e qualità anche organolettiche siano le stesse.
    dipende dalla vitamina, dal cibo e dalle innumerevoli variabili.
    sarebbe un libro pesante da scrivere.
    una curiosità, consiglio, che mi ravviene:
    le salsicce fresche sono deperibili velocemente in tutti i casi.
    si ossidano, irrancidiscono dopo poco anche congelate.
    per una lunga conservazione congelarle in una bottiglia in pet tagliata o con la bocca larga, deve entrarci.
    piena di acqua.
    l’acqua ghiacciata proteggerà la salsiccia dall’aria.
    quindi dall’ossigeno.

  5. Pingback: Il meglio della settimana | Spigoloso

Lascia un commento

1. Ospite
Commenta subito
2. Iscritto a Facebook o Twitter
Commenta con il tuo profilo social
accedi
3. Iscritto a spigoloso