avatar

Cucina naturale | Pasta con puntarelle alla romana e briciole


Parlando di corretta alimentazione non possiamo trascurare l’importanza dei cereali e in particolare della pasta, che molti considerano nemica della dieta. Sapete anche voi che il carboidrato è spesso additato come responsabile dell’aumento di peso, al contrario, si tratta di un alimento essenziale per una dieta equilibrata. Bisogna fare attenzione al condimento, questo sì, quindi spazio alle verdure, come al solito fresche e di stagione. La primavera è la stagione delle puntarelle, molto diffuse a Roma, conosciute un po’ in tutta Italia con il nome di cicoria di Catalogna o cicoria asparago, i germogli più teneri della pianta.

Hanno proprietà depurative e lassative per cui risultano un eccezionale regolatore del nostro intestino soprattutto durante i cambi di stagione.

Solo qualche nota prima della ricetta.
E’ necessario armarsi di santa pazienza e procedere così per pulire le puntarelle:
- Scartare le foglie più esterne
- Prendere solo il cuore del cespo e tagliare i germogli ricavando dei filetti
- Esiste anche un tagliapuntarelle ma a il taglio a mano è consigliato per ottenere le dimensioni giuste, dal momento che le puntarelle servono sottili.
- Immergerli in acqua ghiacciata con del limone per farle arricciare.
E’ chiaro che più affetterete sottile il germoglio più sarà tenero, per questo il lavoro è abbastanza certosino.

Altro appunto: il pangrattato, mica pensarete di acquistarlo in busta al supermercato vero? Sapete che di solito è fatto con i grissini sbriciolati, vero? In questo modo, è molto più calorico di quello che possiamo fare in casa semplicemente frullando un buon pane raffermo, anche per non sprecarlo. Tra l’altro, la consistenza che si ottiene con il pan grattato fatto in casa è più grossolana e si presta meglio a diventare croccante in caso di panature o se servono briciole per un qualsiasi piatto o crumble.

L’idea per questa pasta mi è venuta mescolando due ricette che amo entrambe, una è romana, le puntarelle condite con acciuga e aglio, l’altra è siciliana: la pasta ammuddicata usando come trait-d’union le acciughe, importante fonte di omega 3.

SPAGHETTI CON PUNTARELLE ALLA ROMANA E BRICIOLE

Ingredienti:
200 gr di spaghetti
200 gr di puntar elle pulite
5 filetti di acciunga sott’olio
2 cucchiai di pangrattato homemade
olio evo
1 spicchio d’aglio
1 limone + acqua e ghiaccio (per pulire le puntar elle)

- Scaldare dell’olio in una padella con uno spicchio d’aglio, sciogliere nell’olio 3 acciughe e aggiungere le puntarelle, lasciarle cuocere 5 minuti per ammorbidirle senza che perdano del tutto la croccantezza.
- In un altro padellino a parte scaldare poco olio, scioglierci altre 2 acciughe e aggiungere il pangrattato. Cuocere mescolando fino a che non diventa di un bel dorato.
- Lessata la pasta in abbondante acqua e sale, scolarla e aggiungerla alla padella della puntarelle, avendo avuto cura di eliminare l’aglio. Saltare la pasta qualche istante e aggiungere anche le briciole di pane.
- Servire gli spaghetti guarniti con pezzetto di acciuga intero.

Elisa Ceccuzzi è l’autrice del blog Kitty’s Kitchen.

[Fonti: Wikipedia, Virgilio]

10 commenti a Cucina naturale | Pasta con puntarelle alla romana e briciole

  1. Complimenti elisa! Abbinare la pasta al mitico duetto romano puntarelle e alici è davvero un’idea golosa! :-P Sicuramente da provare, un patito dell’acciuga come me poi!
    Attendo la prossima ricetta!

    -Lorenzo-

  2. Salve, ho letto l’articolo e lo trovo interessante ma non sono d’accordo sul fatto che “a mano” le puntarelle vengano meglio. Io uso un taglia puntarelle con una trama fina e vi assicuro due cose: che le listarelle vengono fine e che ci metto la metà del tempo a farle. Un’altra cosa che leggo spesso nei vari blog e quella di mettere a bagnole puntarelle in acqua e ghiaccio, vi assicuro che l’acqua fresca (senza ghiaccio) è più che sufficente per arricciare le puntarelle e non si rischia di “bruciarle” con il ghiaccio. Scusate se sono stato prolisso ma so Romano e so cresciuto a puntarelle.

  3. TAGLIAPUNTARELLE:
    BREVETTO – PATENT 1359988
    MI RISERVO DI ADIRE LE VIE LEGALI,
    PASSATO PRESENTE FUTURO.
    COPIA CONFORME PER LE AUTORITA’ DI COMPETENZA.
    IL FORO COMPETENTE E’ QUELLO DI ROMANA.
    QUESTI, E’ RISERVATA E NON PUO’ ESSERE PUBBLICATA

  4. diffida
    pubblicazione
    tagliapuntarelle brevetto 1359988

    HPIM0652a.jpg
    1004 × 1005 – Cucina naturale | Pasta con puntarelle alla romana e briciole
    spigoloso.com

  5. Spettacolo! L’ho provata con tagliatelle nere ed ho agiunto un po di peperoncino … uno dei piatti migliori delle ultime settimane!

  6. Non capisco la necessità di fare arricciare le puntarelle se poi vanno cotte. L’arricciatura estetica è invece utilissima se si usano in insalata. Comunque molto buona, anche se concordo con l’aggiunta di un po’ di peperoncino e la prosssima volta voglio provarle con pasta all’uovo fresca. Complimenti

Lascia un commento

1. Ospite
Commenta subito
2. Iscritto a Facebook o Twitter
Commenta con il tuo profilo social
accedi
3. Iscritto a spigoloso