avatar

Cucina naturale | La barretta fai da te di Elisa


Per cucina naturale si intende un alimentazione basata su un regime corretto, che utilizza frutta e verdura di stagione possibilmente biologica, dando spazio a olio, cereali integrali, legumi e grassi naturali piuttosto che saturi o di origine animale.

Ogni anno in questa stagione si discute di regime alimentare, cucina leggera e sana, i nutrizionisti parlano di piramide alimentare, e indubbiamente, la dieta mediterranea radicata nella nostra cultura semplifica il compito. Ma davvero c’è qualcuno che mangia frutta e verdura 5 volte al giorno? Davvero bevete due litri d’acqua ogni giorno?

Okay, mi fermo. Con questa rubrica non ho intenzione di provocare sensi di colpa, soprattutto non voglio passare per la salutista di turno (che poi, salutista io… rido da sola). Parlare di cucina naturale è un pretesto per scoprire ricette semplici ma buone con un occhio di riguardo ai cibi stagionali e biologici. Niente di più.

Inizio con un idea che mi ha risolto molte merende, grazie alla quale sono riuscita a eliminare la benedetta barretta del supermercato che non si sa come, scivolava sempre nella borsa della palestra. Basterà una barretta personalizzata alla settimana per avere sempre con voi uno spuntino salutare e naturale? Vediamo.

CRUNCHY GRANOLA BAR

(per uno stampo da plum cake)
150 gr. di cereali misti a vostra discrezione (io: farro, orzo e riso soffiati)
1 cucchiaio abbondante di miele d’acacia
1 cucchiaio di olio evo
5 datteri bio (o la frutta secca che preferite)
1 cucchiaio raso di semi di sesamo

-Mescolare i cereali al miele in una scodella, tagliare i datteri o la frutta secca a pezzi piccoli e unirli al composto.
- Foderare uno stampo da plum cake con della carta forno e schiacciare bene il mix di cereali e miele nello stampo. Irrorare con l’olio e cospargere di sesamo la superficie.
- Infornare il composto a 170° per 20 minuti (forno statico). Quando comincerà ad assumere un colore dorato togliere la teglia dal forno e lasciarlo riposare 10 minuti. Non di più perchè prima che si freddi del tutto è necessario tagliarlo a rettangolini, per dare la forma di barrette. Aspettare che si freddino
- Avvolgere ogni barretta in carta forno e portatele sempre in borsa per contrastare i languorini improvvisi.
Inutile dirvi che potete aggiungere frutta candita o disidratata, cereali di vario tipo e semi diversi.

[Fonti: Francesco Cundo]

16 commenti a Cucina naturale | La barretta fai da te di Elisa

  1. Idea veramente invitante!
    2 litri di acqua al giorno? Non la bevo di certo.
    La frutta 5 volte? Magari, ma una mela a fine cena oramai è un must. Basta iniziare e poi diventa una droga. Anche perchè non la sbuccio io :)
    Ora devo solo trovare una frutta per il dopo pranzo. Potrei incominciare con le tue barrette.

  2. Elisa, mi stupisci e non mi stupisci.

    Non mi stupissci perché quando il Bernie mi ha chiesto cosa ne pensassi di te gli ho detto tutto il bene possibile.
    E mi stupisci perché fai addirittura meglio del previsto.

    Ricettina sfiziosa, originale e senza troppi strombazzamenti, il giusto.
    Brava, brava.

    :-)

  3. @ Rossella: una mela al giorno? Che bella abitudine… Bravissima!

    @ Daniela: Dai addirittura! che elogio! Detto da te è davvero un onore. Mi fai davvero emozionare, menomale che tramite pc non si vede che sto arrossendo!

    @ sara: Grazie grazie sara! :))
    Anche io devo rimettermi in riga assolutamente

  4. Pingback: i migliori blog di cucina » Blog Archive » Crunchy berry granola bar

  5. complimenti per la ricetta.
    una curiosità: le barrette poi si conservano a temperatura ambiente (niente frigo) ? e per quanti giorni durano?
    grazie !!

    • io le faccio spesso.Le conservo a temperatura ambiente, ma avvolte in carta da forno e chiuse in scatole di latta. Si conservano per una settimana circa, ma a casa mia finiscono sempre nel giro di 3 giorni…sara

  6. Davvero interessante questa alternativa alle classiche merendine e/o alle barrette di cereali che si trovano in commercio!!bene bene!!

  7. queste barrette le proverò senz’altro…ne ho anche pubblicate un tipo simili a queste nel mio blog…comunque io due litri di acqua al giorno li bevo sempre, anche perchè soffro di calcolosi renale…per quanto riguarda le 5 porzioni di frutta e verdura non me la cavo male…un kiwi la mattina appena alzata, una mela dopo pranzo, l’insalata o altro tipo di verdura a cena e una pera dopo cena…quando poi ho la fortuna di pranzare a casa, verdura anche a pranzo e così diventano 5 porzioni…

  8. Pingback: Tutti si sono abbandonati ai surgelati, questa settimana. Poi dice - Macchianera

  9. Pingback: Cucina Naturale | Crema di piselli e rosmarino con chips di carota | Spigoloso

  10. Pingback: Crunchy berry granola bar · Kitty's Kitchen

  11. SCUSA LA DOMANDA STUPIDA.. IL SESAMO CHE METTI ALLO STRATO FINALE E’ GIA’ SALTATO O SALTA IN FORNO?? STASERA HO PROVATO A FARE LE BARRETTE DI SESAMO SOLTANTO E SONO ABBASTANZA IN DUBBIO SULLA RIUSCITA PERCHE’ CREDO DI AVER SBAGLIATO LE DOSI E QLCS ALTRO…MA NON DEMORDO!!!COMPLIMENTI COMUNQUE…APPENA MI RIESCONO QSTE PASSO SUBITO ALLE TUE!!GRAZIE!

Lascia un commento Rossella Fare clic qui per annullare la risposta.

1. Ospite
Commenta subito
2. Iscritto a Facebook o Twitter
Commenta con il tuo profilo social
accedi
3. Iscritto a spigoloso